La trattoria Zi Armando protagonista dell’evento gastronomico “Sapori di Casa”

I Comuni di Aprilia e Vallepietra uniti nel segno della gastronomia.

Sapori di casa: Aprilia e Vallepietra in gemellaggio gastronomico. Protagonista assoluta dell’evento, la cucina della storica trattoria apriliana “Zi Armando”. L’evento ha avuto luogo Giovedì 20 luglio, in occasione della terza apertura serale dei negozi, nello spazio all’aperto antistante la trattoria “Zi Armando”.

La serata è stata fortemente voluta dalla titolare dell’attività, Assunta De Santis, vallepietrana d’origine come molti altri concittadini apriliani, i cui genitori si sono trasferiti nella nostra città a partire dagli anni 60.

ass vall

Durante l’evento “Sapori di casa” ha avuto luogo la degustazione di piatti tipici regionali, tra cui la pasta alla Amatriciana, la trippa alla Romana e il fagiolone di Vallepietra; quest’ultimo presidio Slow food. Una serata di successo che ha visto la partecipazione anche del Sindaco di Aprilia, Antonio Terra e del sindaco di Vallepietra, Pierluigi Pietrangeli. Entrambi hanno evidenziato il forte vincolo che lega gli abitanti dei comuni da loro rappresentati, come dimostra la grande partecipazione alla serata.

Tra gastronomia e storia

Ospite d’onore è stato l’artista apriliano, maestro Dino Massarenti, che ha fatto dono all’assessore alla cultura, Francesca Barbaliscia – anche lei vallepietrana d’origine – di un acquerello da lui realizzato, raffigurante il bel paesino in cui spicca la roccia con incastonato il Santuario della Santissima Trinità.

ass valll7

Il sindaco Pietrangeli ha ricordato l’importanza della conoscenza di luoghi così particolari come Vallepietra, paesino di circa 300 abitanti che vive del turismo religioso legato al Santuario, invitando i presenti ad una passeggiata tra le sue fresche montagne per conoscerne le peculiari produzioni gastronomiche: le patate, il miele, le carni, le trote e, per l’appunto, il fagiolone; tutte specialità realizzate in armonia con ambiente ed ecosistema – grazie al sapere di cui sono custodi i produttori locali – e che si possono degustare in occasione delle sagre organizzate durante l’anno.